Radiologia

rad
rad4

Grazie alla tecnologia PaX-i 3D Green, lo Studio garantisce ai pazienti soluzioni d’avanguardia in termini di emissioni radiologiche, e quindi più salute e più ecologia.

Una scansione con risoluzione eccellente acquisita in brevissimo tempo che riduce al minimo le emissioni (1/5 la dose necessaria da altri macchinari di rivelazione, ovvero l’80% in meno).

I sistemi di rivelazione effettuati in Studio comprendono:

Ortopantomografia

L’ortopantomografia, (nota anche come ortopantomogramma, panoramica dentale, o con la sigla OTP) è un esame radiologico che permette di ottenere un’immagine dei denti, delle arcate dentarie e delle ossa mascellari e mandibolari.

Osservandone il risultato è possibile valutare l’allineamento delle arcate e di individuare eventuali carie sfuggite all’esame visivo, granulomi, cisti, fratture radicolari, riassorbimenti ossei, denti inclusi ecc.

L’esplorazione radiologica garantisce, quindi, la rappresentazione ottimale dei denti, favorendo una maggiore precisione delle linee guida del programma terapeutico da eseguirsi per ottenere un’efficace riabilitazione orale, soprattutto in Ortodonzia.

 Celalometria

La cefalometria (dal greco “misura della testa”) è lo studio delle forme dei profili facciali e delle strutture ossee che costituiscono il cranio, permettendo di inquadrare il tipo scheletrico di malocclusione

Successivamente alla rivelazione teleradiografia laterale del cranio si prosegue con il tracciato cefalometrico (chiamato anche Studio Ortodontico), ovvero la valutazione accurata delle strutture anatomiche del massiccio facciale, calcolata su valori geometrici misurati su angoli e linee.

Cone Beanrad5

Il vantaggio principale del Cone Bean rispetto alla panoramica è quello di offrire immagini in 3D e, quindi, più dettagliate.

Si effettua un Cone Bean Dentale quando occorre identificare con maggior chiarezza e precisione eventuali anomalie emerse dall’ortopantomografia o, ad esempio, nel caso siano programmati degli interventi di implantologia.

In quest’ultimo caso, si può mostrare la quantità di osso a disposizione per l’impianto e aiuta inoltre a pianificare la posizione degli impianti nel rispetto delle strutture nervose e vascolari.