Ortognatodonzia

Con il termine Ortognatodonzia si intende la branca dell’odontoiatria che si occupa della correzione di eventuali anomalie di sviluppo, di malocclusione e di posizionamento dei denti che alterano l’estetica del volto, le funzioni della respirazione, la masticazione e la fonazione.

La terapia ortodontica ha come obiettivi principali allineare i denti e il loro apparato di sostegno, nonché un miglioramento della funzione masticatoria e fonatoria e la stabilità dei risultati ottenuti alla fine.

A seconda del momento di crescita e della morfologia delle ossa, l’ortodontista può decidere di utilizzare dispositivi ortopedico-funzionali e/o apparecchi ortodontici.
I primi modificano l’apparato scheletrico orale, i secondi mirano a modificare la posizione dei denti. La durata del trattamento può dipendere da diversi fattori quali il tipo di apparecchio usato, l’età del paziente, la gravità della malocclusione dentale.

Ortognatodonzia: esistono limiti di età per sottoporsi ai trattamenti ortodontici?

0_mg_1700

Possono sottoporsi ai trattamenti ortodontici i pazienti di tutte le età.

E’ consigliabile, tuttavia, una prima visita ortodontica in età prescolare al fine di valutare se il paziente necessita una correzione o, a scopo preventivo, per monitorare la crescita.
L’ètà scolare in ogni caso rappresenta la fase più adatta per modificare le basi ossee, qualora fosse necessario.