ortodonzia intercettiva

Ortodonzia intercettiva

L’ortodonzia intercettiva, una branca dell’odontoiatria che prevede l’utilizzo di semplici dispositivi per risolvere le malocclusioni e creare un’armonia nella crescita scheletrica.

Ortodonzia intercettiva: cos’è?

L’ ortodonzia intercettiva è la branca dell’odontoiatria che si occupa di intercettare e intervenire precocemente sulle malocclusioni, per lo più di natura scheletrica, evitandone così un possibile aggravamento legato alla crescita e semplificando l’eventuale trattamento successivo se necessario.  Questo tipo di terapia prevede l’utilizzo di dispositivi semplici, che in tempi ridotti e con meno fastidi delle terapie fisse, risolvono le malocclusioni e migliorano la funzione respiratoria, la deglutizione, la fonetica e la postura.  Inoltre la terapia intercettiva permette di creare un’armonia nella crescita scheletrica e facilitare la corretta eruzione dei denti definitivi e l’eliminazione di abitudini viziate qualora presenti.

Perché bisogna intervenire?

ortodonzia intercettivaL’ortodonzia intercettiva è essenziale nei casi di protrusione eccessiva degli incisivi superiori, perdita precoce dei denti decidui o ritardo di eruzione dei permanenti, abitudini viziate che perdurano nel tempo (come succhiamento del dito o del succhiotto) e presenza di un “morso inverso” anteriore o laterale. In quest’ultimo caso cioè è presente un’inversione del combaciamento delle arcate dentarie, quindi è necessario trattare il paziente verso i 6 anni per arrestare la crescita incontrollata della mandibola e rimuovere l’ostacolo meccanico alla crescita naturale dell’osso mascellare in modo da ottenere il corretto equilibrio tra le due ossa e la stabilità nel tempo.

Dopo questa fase che dura circa un anno, il paziente viene monitorato con controlli periodici fino a quando i denti permanenti erompono tutti in arcata, momento in cui si rivaluta il caso per stabilire se è necessario o meno una seconda fase di trattamento.